Comune di Ariano Irpino

Il Castello Normanno

Comune di Ariano Irpino
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sulla nostra pagina google plus Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
..
Il Castello Normanno
Icona freccia bianca
Home Page » La Città » Arte e Cultura » Il Castello Normanno

Vista virtuale del Castello

 

Il Castello normanno
a cura di Nicola D'Antuono
tratto da:
Progetto Itinerari Turistici Campania Interna. La Valle del Miscano, Volume 2°
Poligrafica Ruggiero, Avellino, dicembre 1995


Il Castello Normanno
Il Castello
Foto: Giovanni Bosco Maria Cavalletti

Essere esta Ciudad la cabeza mas populosa, unica de Demanio dentro de la provincia del principato Ultra, de summa importancia para el Reyno de Naples; plaza desarmas, munida de anriquamente con castillo muis grande con valguardas, fossos, muros y otros fortinos, que non solamente sierve de riparo de a quella provincia, ma des otras, che tien oblicacion a su reparo, quando el reyno fuosse occupado des armas eneimgos, loque dios non quiera.

Il documento del Consiglio di Castiglia al tempo di Filippo IV di Spagna e di Napoli (cfr. Vitale - Storia della Regia città di Ariano e sua Diocesi - Salomoni - RM 1794) descrive Ariano, città molto popolosa, unica nelle Provincia del principato Ultra e di grande importanza per il regno di Napoli, con piazza d'armi e con un antico castello di non facile espugnazione, munito di torri di avvistamento, fossati a secco, mura e fortini, il quale non serve soltanto da difesa a quella provincia, ma soprattutto è il baluardo del regno, allorquando fosse minacciato dalle armi nemiche.

Il castello edificato in una posizione strategica e di difficile accesso, circondato da barriere naturali, scoscendimenti e dirupi, domina le valli dell'Ufita, del Miscano e del Cervaro, e, dalla sommità, le cedette spaziavano nel vasto giro dell'orizzonte, da un lato verso i territori beneventani e di Montefusco, dall'altro verso la piana di Camporeale e le gole pugliesi.

Non solo l'asprezza del luogo e la robustezza delle solide mura lo resero impenetrabile, quanto la intrigata rete di vie sotterranee, che scorreva al di là delle mura (Madonna di Loreto, Guardia e Pasteni). E la storia dei lunghi assedi ne dà atto; lo stesso re Ruggiero nel 1139 assediò la città, ma ben presto si convinse che il castrum era imprendibile, tolse l'assedio e l'ira lo indusse a devastare tutto ciò che incontrava durante la ritirata, anche se nel 1140 entrerà in Ariano come possessore.

Il Castello Normanno
Villa Comunale e Castello
Foto: Edizioni Pasquale Li Pizzi


Ha forma trapezoidale, munito di quattro torri troncoconiche, comunicanti tra di loro tramite corridoi che si aprono lungo le mura perimetrali. Alla sommità sfida il tempo l'antico rudere del mastio, da cui, come asseriscono antichi autori, si scorgeva attraverso la gola di Monteleone, il Golfo di Manfredonia.

I muri di cortina sono muniti di contrafforti, ora interrati, che partendo dall'attuale piano di calpestio, terminano a circa sei metri sul punto iniziale della scarpa, come da saggi condotti sul lato Sud-Est (lato prospiciente al monumento del Parzanese), durante il primo restauro.

Le torri sono composte di due vani, uno superiore e l'altro inferiore, che prendono luce ed aria da bocchettoni cilindrici o talvolta biconici.

Ancora visibili le caditoie, intercalate dagli orecchioni, questi ultimi usati per le comunicazioni rapide fra le milizie operanti lungo le merlature e le postazioni nei piani sottostanti.

La metà dell'attuale fortezza è interrata e, chi visita la torre Est, a cui si accede nel piano inferiore tramite due rampe di scale, si accorge di trovarsi al di sotto del livello stradale.

Nel vano interrato si aprono tre ambienti, con postazioni a semiluna, con feritoie per colubrine medie passavolanti, le cui gittate erano "radente uomo".

Sul lato Sud, tra la torre della Madonna degli Angioli e quella si S.Elziario, così denominate dalla tradizione, si apriva nella prima cinta, un primo ingresso con fossato e ponte levatoio, e nella seconda, la porta principale con secondo fossato ed altro ponte levatoio.

Infatti l'inventario dei beni esistenti nel castello, redatto nel 1585 (Prot. di Not. Giovanni Francesco Attanasio - vedi Vitale op.cit.), porta:

In primes uno Ponte rutto e fracassato
in lo primo ingresso con ligname fracido,
e quasi inaccessibile.
Item un altro Ponte nella Porta principale,
di detto Castello. similmente rotto,
et marcito et quasi inaccessibile.

 

Ultima modifica

sabato 25 marzo 2017

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Comune di Ariano Irpino - Piazza Plebiscito 1 - 83031 Ariano Irpino (AV) - PEC protocollo.arianoirpino@asmepec.it

Centralino: 0825 875100 - P. IVA e Codice Fiscale: 00281220640

Il sito Istituzionale del Comune di Ariano Irpino è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Il progetto Comune di Ariano Irpino è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it